Contratti a termine dopo l'entrata in vigore del "Decreto dignità"

jobact2In riferimento alle novità previste dal c.d. "Decreto Dignità" (cfr. "vedi anche"), inerenti i contratti di lavoro a tempo determinato, non ancora entrate in vigore, riteniamo opportuno formulare le seguenti osservazioni. Secondo quanto previsto nella bozza del D.L. approvato dal Governo, le modifiche inerenti i rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) entreranno in vigore il giorno successivo a quello di pubblicazione in G.U. del D.L.;
b) si applicheranno non solo ai contratti di lavoro a tempo determinato stipulati successivamente all'entrata in vigore del D.L., ma anche ai rinnovi e alle proroghe dei contratti in corso alla predetta data di entrata in vigore del D.L.;
c) riguarderanno anche i rapporti di lavoro a tempo determinato instaurati tra il lavoratore e l'agenzia di somministrazione.

Diversamente da quanto accaduto nelle precedenti riforme nelle quali le nuove regole hanno riguardato solo i nuovi contratti instaurati dopo l'entrata in vigore delle stesse, le modifiche in esame riguarderanno invece anche le proroghe ed i rinnovi dei contratti già in essere a tale data.
In riferimento alla proroga, la disciplina attualmente in vigore prevede che il contratto a termine possa essere prorogato semplicemente "con il consenso del lavoratore". Fermo restando il rispetto di tale clausola (ed ovviamente del limite delle 5 proroghe nell'arco dei 36 mesi complessivi), essa consente pertanto anche una proroga anticipata del contratto rispetto alla scadenza inizialmente stabilita tra le parti. Nella situazione attuale in cui si è in attesa della pubblicazione del D.L., va tuttavia tenuto presente quanto sopra specificato in merito all'entrata in vigore delle nuove regole previste dal D.L. stesso: entrata in vigore fissata per il giorno successivo a quello della sua pubblicazione in G.U. Tenuto conto che le G.U. pubblicate quotidianamente vengono rese accessibili solo in tarda serata, non è in genere possibile conoscerne il contenuto fino al giorno successivo. Le eventuali proroghe dovranno pertanto essere concordate con il lavoratore, preferibilmente con accordo scritto, con decorrenza dal giorno stesso dell'accordo e non successivo, in quanto potrebbe trattarsi del giorno di entrata in vigore delle nuove regole, con tutte le conseguenze del caso. La comunicazione della variazione al Centro per l'impiego andrà poi effettuata nei cinque giorni successivi, come di consueto.


Diversa invece la problematica inerente il "rinnovo" dei contratti. Cioé la riassunzione dello stesso lavoratore con il quale si è già concluso un precedente rapporto a termine. Come noto, in caso di assunzione la comunicazione al Centro per l'impiego va fatta, salvo eccezioni, in via anticipata rispetto alla data di decorrenza del rapporto. Ciò non consente pertanto di procedere in sicurezza rispetto alla possibile applicazione delle nuove regole, per quanto sopra specificato. Si sconsiglia in ogni caso di procedere a comunicazioni posticipate che, seppur possibili e sanzionate in quanto tardive, potrebbero dare adito a contestazioni da parte dei lavoratori tenuto conto che la nuova disciplina consente i rinnovi solo in presenza di specifiche causali e per una durata complessiva dei vari rapporti intercorsi con lo stesso datore di lavoro non superiore a 24 mesi.


 

Ragione sociale
Parole chiave

Artigiani in rete

CALENDARIO

Cooperativa Silmploke
expo Brianza
Credito d'imposta
rappresentanza
banner China
Como Essence
buffetti
Bcc Alta Brianza
BCC Cantù
Serratore
istituto pascoli
castello di casiglio
storie Cna
cnaservizipiù
cnacittadini
sistri
consip
servizio psicologo per imprenditori
ISCRIVITI ON LINE

Contatti

COMO
Viale Innocenzo XI, 70
tel 031.27.64.41
fax 031.24.22.01
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LECCO
Via Brodolini, 33
tel 031.27.64.4
fax 0341.36.44.55
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LIMBIATE
Piazza della Repubblica 6/7/9
tel 02.99451711
fax 02.99451742
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CANTÙ
Via dell'Artigianato, 8
tel 031.27.64.41
fax 031.71.27.76
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ERBA
Via Turati, 3
tel 031.27.64.41
fax 031.61.06.23
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GRAVEDONA
Via Regina Ponente, 49
tel 031.27.64.41
fax 0344.85.025
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LOMAZZO
Via M.Generoso, 2
tel 031.27.64.41
fax 02.96.77.90.49
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MENAGGIO
Via C.Porta, 2
tel 031.27.64.41
fax 0344.30.020
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PORLEZZA
Via Cuccio (centro servizi)
tel 031.27.64.41
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.